.
Annunci online

mioblog
appunti, e pensieri...appassionati!!!


Diario


4 settembre 2015

I'm back

ebbene si di nuovo sul blog a scrivere....
chissà perchè mi ci ritrovo sempre ognivolta che sto male o ho un problema da risolvere il chè capita piuttosto spesso di questi tempi, o meglio il problema è sermpre lo stesso!

Di ritorno da lunga vacanza avevo dimenticato di cosa volesse dire stare male stando da sola coi propri pensieri in una città affatto ospitale e in cui non si può respirare (in tutti i sensi).
E la nostalgia sale sempre di più.

Inutile dire che il dubbio amletico rimane:
vivere in una città che ti fa schifo ma che ti da tutto o quello di "materiale" di cui hai bisogno (lavoro, casa, instruzione, cibi "particolari") o meglio vivere in un città che ti da molto meno (ma sta crescendo a vista d'occhio) ma che ti dà affetto e che comunque ti fa "stare bene" solo se ci stai?
Mia mamma sostiene che se tornassi a vivere a S. Benedetto dovendo lavorare e tutto il resto non mi ci troverei così bene come quando ci vado ogni tanto.
Dissento!
Lì la qualità di vita è nettamente superiore: si vive meglio!
C'è il mare! si bè il mare, però dicono che se ci abiti stabilmente il mare te lo dimentichi e non ci vai quasi mai (tipo mio fratello che ad agosto era ancora bianco latte!) perchè pensi "tanto ci posso andare tutti i giorni, ci vado domani!".
Io non credo che farei così e ci andrei ogni volta che posso! Mi fa stare bene solo guardare l'orizzonte del mare che si confonde col cielo..... ed i vari colori del cielo!
Sto troppo male in una città in cui le cose belle al massimo sono: i parchi (per carità belli sì, ma non quando puzzando di fogna come il Parco Lambro!), i negozi in cui puoi trovare tutto o quasi; i corsi da quello di ballo strano a quello di cucina o che sò io! il lavoro che ti da i soldi per campare...
Altre cose belle di Milano:
gli amici, per chi ne ha pochi o tanti non importa, il problema è sempre quello di incontrarsi che non c'è mai tempo.
Insomma sono proprio stufa di questa città che, per me che vengo da un posto mare,  faticosissima da vivere e da accettare!


3 marzo 2015

ancora pensieri

ebbene rieccomi qui ad aggiornare il mio diario molto sporadico ma essenziale.
Ida sta frequentando con successo la sua scuola elementare, con successo suo personale (nel senso che la sua pagella era piema dei voti massimi 8-9 che danno loro).
Ma io sono meno felice di questa scuola in cui fanno poco o niente, in cui lei si annoia, e in cui duce che "dura troppo tempo".
Purtroppo non sono potuta andare al colloquio che avevo fissato con le maestre una settimana fa perche stavo davvero male (mi è venuta la febbre a 38,5 e passa) e mandandoci Filippo non ho risolto molto perchè lui non sapeva di cosa parlare/chiedere al solito.
Già a Natale mi sono accorta, andando a S.B.T., in confronto alle sue amichette coetanee che erano indietro (qui a Milano), tutti i genitori se ne sono accorti ma nessuno ha detto o fatto niente, poichè la rappresentante di classe ha messo tutto a tacere e ha detto di non preoccuparsi.

Ebbene io sono davvero preoccupata.
E' vero che essendo a casa in malattia non ho altro da  fare che pensare ai problemi che ha mia figlia però forse proprio perchè è la mia unica figlia per lei voglio il meglio.
E se le scuole private della zona sono tutte gestite da preti e suore (e la cosa poco mi piace) non credo che le scuole private della zona siano migliori delle pubbliche, anzi!

Insomma sto addirittura pensando di cambiare casa e zona in cerca di "zone migliori" e anche se Milano non è certo questa città così aperta ed ospitale è pur vero che le zone non sono tutte uguali.
Se è vero che dove risiedo attualmente c'è tanto verde ho notato esserci tanta ignoranza e provicialità nelle persone, forse perchè sono in periferia e non riesco proprio ad integrarmi.
Ma non sono l'unica a pensarla così.

Non so, vedremo cosa ci riserva il futuro a me e Ida con queste nuove idee e speranze.....
bye bye




permalink | inviato da mioblog il 3/3/2015 alle 13:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


26 agosto 2014

Speranze e progetti per il futuro....

Sperando che a mia figlia passi presto la tosse, che a scuola vada tutto bene visto quest'anno farà la prima elementare e dovrà fare tutto il padre: svegliarla, farle fare colazione - grosso problema!! - vestirla e portarla in tempo.
aaargghhh!!!
Insomma se tutto ciò va per il verso giusto mi piacerebbe fare qualcosa per il prossimo periodo di ferie lunghe mio e di mia figlia (almeno una settimana) cioè il periodo che va da Natale all'Epifania che non sia il solito soggiorno a casa dei nonni al mare.
Mi piacerebbe organizzare qualcosa di carino, certo farà freddo, però un pensierino ce lo farò e speriamo porti a qualcosa di bello!
saludos




permalink | inviato da mioblog il 26/8/2014 alle 10:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


26 agosto 2014

Sbagliando si impara......non sempre!

26 agosto 2014: fine delle ferie, o meglio fine del periodo di ferie estive ed inizio del nuovo periodo lavorativopost ferie, in teoria belli rilassati e con in mente un sacco di buoni propositi.
In realtà più stanchi ed affaticati di prima delle ferie!

Ebbene quest'estate tra le tante cose fatte mi sono anche permessa (questo è il termire giusto!) di ospitare, a casa dei miei al mare, una mia sedicente amica di Milano con figlia della stessa età della mia.
Non che la persona mi ispirasse grande fiducia in generale e nel particolare si è rivelata una ennesima delusione da tutti i punti di vista.
Tanto per non dimenticare voglio scrivere qui le cose che più non mi sono andate a genio.

Per cominciare è stata ospitata in una "casetta" del tutto indipendente dalla casa dei miei genitori per più di 15 giorni, con chiavi personali, cucina, letto, bagno, insomma  un monolocale.
Io non ero presente, se non sporadicamente, perchè impegnata col lavoro a Milano.
I patti erano "ti ospito per 15 giorni, tutto a spese mie (o meglio dei miei genitori: luce, acqua, gas) mentre io sono a Milano al lavoro e tu porti al mare mia figlia, con la tua, visto che il padre (il mio compagno) odia il mare, il caldo e dipendesse da lui starebbe sempre in casa a guardare la televisione o il computer".
I patti erano chiari, ma le cose non sono andate come desideravo.

Intanto quando lei arrivata già dalla prima sera vedevo che "spulciava" la figlia in modo strano: aveva le lendini!!!!! (le uova dei pidocchi) ma come si fa ad andare ospiti a casa di qualcuno coi pidocchi??!! come minimo avvisa no???? No.
Non le ho detto niente sul momento perchè dovendo partire sarebbe stato inutile iniziare discorsi ormai..... inutili.
O la cacciavo di casa oppure tanto valeva tacere e di fatto subire in silenzio (e vedere fin doveva si spingeva).Così è stato.

Per tutta la durata del periodo si presentava a casa di mia madre all'ora di pranzo ......(anche qui i patti erano: ognuno a casa sua! dopo si sta insieme) finchè mia madre ha avuto il coraggio di dirgli come si fosse organizzata (visto che non era previsto che mangiasse da loro). E la cosa è cessata.

Alla figlia che stava attaccata alla mia 24 ore al giorno è venuta una strana tosse, che non passava, anzi peggiorava sempre di più.
Dopo 15 giorni anche mia figlia aveva la stessa tosse che non le passa già da un mese.
Tosse molto insistente che non la fa dormire bene la notte che la lascia senza fiato tutte le volte che ha un attacco.
La figlia non ha avuto NESSUNA vaccinazione (al contrario della mia) e potrebbe essere anche tosse convulsa!!!!
I medici che ho consultato al mare sono stati piuttosto superficiali e non mi hanno saputo aiutare più di tanto.
Adesso dopo più di un mese dalla loro partenza dal mare non riesco ad avere notizie di quella bambina e di quella tosse, da dire anche che, all'inizio la madre mi ha anche fatto sentire in colpa dicendo che la loro casa era fredda e umida (per quello alla figlia era venuta la tosse!). E allora tornatene a Milano!!
In realtà poi si è scoperto che la bambina era stata a contatto con un'altra con la stessa malefica tosse!!!

In sintesi spero che tutto questa vicenda mi abbia fatto imparare qualcosa.
Per non parlare di mia madre che spesso doveva tenersi entrambe la bambine perchè lei se ne andava per fatti suoi senza avvisare; per non parlare poi del fatto che quando c'ero io spesso nenache si stava insieme.
Insomma un'esperienza davvero triste da non ripetere!
Mi fa capire come una persona sola (con una figlia da mantenere) sia disposta a tutto pur di tirare a campare con la minima indifferenza passa sopra i sentimenti e le vite degli altri  a proprio favore.
Non dico che questa persona non la frequenterò più a Milano (tanto è lei che mi cerca solo quando ha bisogno di un passaggio in macchina o favore, e se a me converrà accetterò) ma certo non la riterrò più quella brava e rispettata persona che prima credevo.




permalink | inviato da mioblog il 26/8/2014 alle 9:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


9 settembre 2013

voglia di vacanza

Ebbene , nonostante l'estate sia da poco finita (anzi non è finita affatto!) ma il semplice fatto di tornare a Milano->lavoro->routine quotidiana ammorbante fa si che mi appaia così (fine dei viaggi della vacanza e delle vita!) mi rende totalmente depressa apatica e priva di qualsiasi prospettiva per il futuro.

Ebbene le idee che affollano in questo periodo la mia testolina sono svariate:
dal cambio di lavoro, residenza, stile di vita, città e nazione (come al solito) alla semplice voglia di evadere progettando il mio prossimo viaggio (fosse anche solo il week end in Liguria!!).
O un corso di shiatsu.

La cosa che mi fa uscire dai gangheri piu' di ogni altra è che a parità di stipendio in Posta in Italia non corrisponde parità di trattamento.
Piu' al sud si va ad esempio piu' il quantitativo di lavoro scende pari al costo della vita (che scende anch'esso).
Quindi la domanda (la solita) sorge spintanea:
ma chi me lo fa fare di stare a Milano a fare questo stupido lavoro, monotono, sottopagato, disappagante, per nulla gratificante e pure deprimente?
boh!!!! forse se spendessi la metà delle energie che spendo per lamentarmi le usassi per cercare una valida alternativa al lavoro in Posta magari sarebbe meglio.
E se poi dopo tanta fatica: licenziamento dalle Poste, trovare  lavoro "migliore" in altro posto, mi trovassi nella stessa situazione?
Eh si questo è davvero un dubblio amletico che mi tormenta.

Cmq nel frattempo oltre a leggere blog con esperienze di lavoro all'estero di gente che "ce l'ha fatta" non ho fatto.
Ma mi chiedo se potrei davvero farcela con una figlia così piccola ......forse si (se non ora quando?) e mi chiedo se ci sono realmente delle possibilità e se si dove e a che prezzo.

Questi i miei dubbli mentre la schiena mi fa male da impazzire e il corso di yoga insieme a quello di nuoto non iniziano prima di un mese!
Ma dovrei permettere che mia figlia cresca in questo schifo?
Già vedere il diverso trattamento che abbiamo subito dal cambio a scuola privata in pubblica mi è bastato.
E questo è niente in confronto a tutto il resto.
saludos
 



14 agosto 2013

Estate 2013

Estate decisamente diversa dal solito per tanti motivi.

Primo fra tutti quest'anno finalmente dopo anni di inattività finalmente sono riuscita a concedermi anzi "mi hanno concesso" di fare un viaggio.
Io abituata a muovermi parecchio dopo la maternità più niente!
Spero che sia un inizio.....
Poi finalmente ho la connessione internet sul telefonino, ma questa e' un po' una cazzata.
Poi quest'anno "non siamo soli" infatti ci sono amici di Milano che hanno casa in affitto a sbt (infatti questa sera siamo usciti insieme).
Filippo ha iniziato (e anche finito) di lavorare a Milano, peccato però che era senza retribuzione!!
Ma a lui è andata bene così.


 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Lavoro a milano

permalink | inviato da mioblog il 14/8/2013 alle 22:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


28 luglio 2012

foto




permalink | inviato da mioblog il 28/7/2012 alle 15:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


28 luglio 2012

tristezza

Sono in montagna in Valle d'Aosta in un albergo di un piccolo posto; tutto spesato dai suoceri, i nonni di Ida. Sono arrivata ieri sera da Milano dopo 1 settimana di permanenza da sola a Milano e Ida era in montagna con nonni e padre.
Piove........

Questa mattina è arrivato il triste sms che non avrei mai voluto ricevere da mia madre che annunciava la morte di mia zia Emilia.
La sua morte non era proprio prevista dato che era in cura da tempo ma sembrava che stesse meglio e ci speravo proprio.
Ma non è stato così.
Speravo proprio di poterla rivedere e parlarci ancora, dato che ormai a causa di problemi alle gambe non poteva piu' camminare.
Volevo andare a trovarla a Brescia da MIlano un sacco di volte ma poi mi sembra sempre tutto complicato e non riesco mai a fare niente, nel fine settimana specialmente!
Così se n'è andata senza il mio saluto però la sua pittura, le sue fotografie le sopravviveranno e magari faranno anche parlare un po' di lei, spero!
Da tempo (prima che stesse male) viveva da sola e praticamente dimenticata nella sua casa di San Benedetto dove poche persone la andavano a trovare e anche io quando andavo a San Benedetto la andavo a trovare pochissimo (perchè mia madre da sempre sua acerrima nemica mi diceva di non andare, lo ha fatto tante volte...).
Adesso sono triste e penso a lei che ha vissuto una vita molto particolare che ha cominciato a vacillare con la morte di suo marito (parecchi anni fa) per tracollare definitivamente dopo quella della nipotina di solo 4 anni e della figlia nel giro di una settimana lo scorso ottobre.

A me rimane solo il rimpianto di non esserla andata a trovare quando andavo a SBT e anche quando è stata portata a Brescia dalle figlie.

Ho un grande mal di testa, sono stanca questo lavoro in POsta mi consuma e se non fosse per mia figlia sarei da tempo caduta pure io in una depressione totale.

Vorrei tanto cambiare vita, anche città, lavoro, ma a 44 anni non è poi così facile.
Certo si sa la stanchezza fa fare brutti pensieri!
 visto che adesso iniziano le mie ferie (che però non dureranno tantissimo rispetto agli altri anni!!) spero solo di riposarmi e di ritrovare tante energie e pensieri positivi che mi portino a cambiare qualcosa!!! lo spero proprio!!!




permalink | inviato da mioblog il 28/7/2012 alle 15:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


20 maggio 2012

casini vari

Come si suol dire "piove sempre sul bagnato" nel senso che i casini capitano sempre a chi ne ha già tanti.
Ebben questa volta però è una casino positivo o meglio voluto nel senso che Ida dopo essersi fatta un anno di asilo privato con tanto di retta annuale da pagare adesso è stata accettata all'asilo del comune che è davanti casa, costa meno e ci vanno molti dei suoi amici.
Quindi?
il problema sta nel fatto che a gennaio ho fatto iscrizione a scuola privata dove sta adesso impegnandomi a pagare per il prossimo anno.....insomma spero tanto di risolvere questa faccenda perchè sarebbe un peccato non andare all'asilo comunale davanti casa tanto voluto anche se piu' scarso del privato.....vederemo!!




permalink | inviato da mioblog il 20/5/2012 alle 10:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


3 maggio 2012

il lettino

Ho passato notti peggiori di quella appena trascorsa soltanto quando lei stava male e quindi non si dormiva per assisterla e curarla.
Ebbene questa notte io volevo che lei imparasse ad andare a dormire nel suo lettino invece di considerare il lettone il SUO letto.
Dopo svariate insistenze prima che si addormentasse  alla fine ho pensato di aspettare che si addormentasse per poi trasportarcela di peso.
Invece sia io che Filippo come al solito ci siamo addormentati contemporaneamente o prima di lei.
Alle 4.00 poi sono stata svegliata dalla sua gamba nella mia schiena così mi sono ricordata di metterla nel lettino.
Inutile!!! a quel punto era semi-sveglia per poi essersi svegliata del tutto salvo poi i miei inutili tentativi di convincerla a parole a trasferirsi nel suo lettino. Il tutto corredato da pianti vari suoi perchè io insistevo nella mia posizione e le intimavo di cambiare letto, che non la volevo vicino a me nel lettone ecc ecc.
Alla fine si è svegliato pure il padre (era ora) che con il suo inervento ha risolto la situazione dicendole non ricordo a quale condizione di andare nel suo lettino e alla fine ci è riuscito.
E' inutile se non siamo uniti io sono la cattiva e lui il buono soltanto perchè non parla e non prende posizione!!
che vita!!
tutto questo è stato possibile ovviamente perchè io questa mattina non andando al lavoro in quanto sono in malattia avevo abbastanza tempo per recuperare! ma lei, che è andata lo stesso all'asilo non oso immaginare come si possa sentire adesso e quante ne stia combinando alla povera maestra!!!!





permalink | inviato da mioblog il 3/5/2012 alle 11:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     marzo       
 
 




blog letto 259284 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
università
hobby
vita sociale, svaghi
altre cose
lavoro
Film
Miei Disegni, Pitture, Foto
taiji
VIAGGIO IN CINA
katori
sanbenedetto

VAI A VEDERE

appunti sulla teoria del caos
teoria matematica sul concetto libertà
...e del libero arbitrio...
john lennon
LAURA m.
la location e guida al film di Mel Gibson di The Passion
Pascale Sakr,music from The Passion: musica bella!sentire per credere!

FAVOLE PER LA NINNA NANNA
paperaino
haldir
Mostro Joe: giornalista
Daniele, chitarrista
GRUPPO DI DISCUSSIONE DI CINEMA
il corso che vorrei fare (quando avrò tempo)
biblioteca dei classicic italiani
opinioni sui film dalla A alla Z
kill bill
KILL BILL2
altro link per kill bill
trailer kill bill 1 in flah

CINEMA ANIMAZIONE(inglese)

Mario Addis: animatore cinematografico
HARUKI MURAKAMI (sito italiano)
SHINYA TSUKAMOTO
quentin tarantino
FRAMMENTI D'ORIENTE
DUALISMO YIN YANG
35mm
blog di Begge Grillo
The Beatles ultimate experience
cartina Giappone
MOVIMENTO E PERCEZIONE
Il Blog Peloso
ANTI-VIRUS ONLINE
SEGRETERIA SPETTACOLO
trailer animation 3D
wing chun
SUN TSU: THE ART OF THE WAR(inglese)
ERIADAN
karate
IL CODICE DEL SAMURAI(HAGAKURE)
TAKESHI KITANO
KATORI SHINTO
THESIMPSON
ANIME CLICK

FORUM DI STUDI ORIENTALI(ROMA)
Valeria's blog
Pechino,città proibita
Vita a Pechino
IL CUORE DI SBT
spaziozero
dormiente
visionidiblimunda
Forum:Un italiano a Tokyo
persbaglio
Vicky
dituttosututto
blog arigato
Caravaggio
Mp3
Angelis








"Il cuore ha ragioni che la ragione non può comprendere"
(Pascal)




Lakmè


Yoshio Sugino sensei con l'attore
Toshiro Mifune.
Il Maestro Sugino collaborò con Akira Kurosawa
e Toshiro Mifune nella realizzazione del film
"Miyamoto Musashi" del 1956.



Poesia dello Yin/Yang

Chen Ch'ang Ching

 (1771-1858)

Completamente

Yin senza Yang

è debole.

Completamente Yang senza Yin è rigido.
Uno Yin con nove Yang è un bastone.
Due Yin con otto Yang è sporadico, sparpagliato.
Tre Yin con sette Yang è denso.
Quattro Yin con sei Yang è buono.
Cinque Yin con cinque Yang è detto “Le Mani Misteriose”.
“Le Mani Misteriose” sono un'azione sola.
Taiji dopo l'azione si completa e ritorna al nulla
.







"Nulla può farti male
a meno che tu non gli dia
il potere di farlo"

canto V - Dante,
Amor, c'ha nullo amato
amar perdona, mi prese
del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor
non m'abbandona.






Shanghai traffic





ALBUM FOTOGRAFICO









IL MIO VIAGGIO IN CINA


http://www.webalice.it/febaioc/index.html

















Lo spirito può andare molto lontano ma non andrà mai lontano come il cuore.
Confucio




















http://www.nhk.or.jp/rj/index_e.html 

www.radio101.it
 
 


  
Il sesso è qualcosa di estremamente delicato, non è come andare ai grandi magazzini la domenica per comprare un thermos. (da Murakami  "La fine del mondo e il paese delle meraviglie").

    FRASI DAI LIBRI: LA FINE DEL MONDO E IL PAESE DELLE MERAVIGLIE(Murakami)
 
  
 

 

 
 
  
 
libri letti
<>di HARUKI MURAKAMI :
"tokyo blues norwegian wood"
  
 "dance dance dance"  
"A sud del confine a ovest del sole"
leggerò "La fine del mondo e il paese delle meraviglie" ed. Baldini e Castoldi
 
 


DA TOKYO BLUES, NORWEGIAN WOOD

- "Forse per il fatto che ho aspettato tanto a lungo, io cerco qualcosa di assolutamente perfetto. Perciò non è facile".
- "Un amore perfetto?"
- "No, nemmeno io aspiro a tanto. Mi basterebbe poter fare i capricci. Questa perfetta libertà".

||----------------------------||

- La morte non è l'opposto della vita, ma sua parte integrante.-
 
  
 
DA DANCE DANCE DANCE

Da me ci sono due porte, una per entrare e una per uscire. Rigorosamente divise. Dalla porta d'ingresso non si può uscire, e da quella di uscita non si può entrare. Tutti seguono questa regola. Possono variare le modalità, ma tutti finiscono per andare via. C'è chi è andato via per sperimentare nuove possibilità, chi per risparmiare tempo. Qualcuno è morto. Fatto sta che non è rimasto nessuno. Tranne me, unico superstite. La loro assenza è sempre con me. Le loro parole, i loro respiri, i motivi canticchiati a bassa voce, aleggiano come polvere negli angoli di casa mia. 


  

||-----------------------------||

- "ma cosa devo fare allora?"

-"danzare" rispose "continuare a danzare, finchè ci sarà musica. Capisci quello che ti sto dicendo? devi danzare. Danzare senza mai fermarti. Non devi chiederti perchè. Non devi pensare a cosa significa. Il significato non importa, non c'entra. Se ti metti a pensare a queste cose, i tuoi piedi si bloccheranno. E una volta che saranno bloccati, io non potrò più fare niente per te. Tutti i tuoi collegamenti si interromperanno. Finiranno per sempre. E tu potrai vivere solo in questo mondo. Ne sarai progressivamente risucchiato. Perciò i tuoi piedi non dovranno mai fermarsi. Anche se quello che fai può sembrarti stupido, non pensarci. Un passo dopo l'altro, continua a danzare. E tutto ciò che era irrigidito e bloccato piano piano comincerà a sciogliersi. Per certe cose non è ancora troppo tardi. I mezzi che hai, usali tutti. Fai del tuo meglio. Non devi avere paura di nulla. Adesso sei stanco. Stanco e spaventato. Capita a tutti. Ti sembra sbagliato. Per questo i tuoi piedi si bloccano"

Alzai gli occhi e guardai la sua ombra sul muro.

- "danzare è la tua unica possibilità" continuò "devi danzare, e danzare bene. tanto bene da lasciare tutti a bocca aperta. Se lo fai, forse anch'io potrò darti una mano. Finchè c'è musica, devi danzare!"

||----------------------------|| 

-"abbiamo 34 anni. E' temo anche per noi di crescere, che ci piaccia o no." dissi

-"non c'è dubbio. sono perfettamente d'accordo. però come siamo strani! si invecchia in un attimo. Un tempo credevo che si invecchiasse un po' per volta, anno dopo anno" disse Gotanda, fissandomi intensamente "Invece no. Accade di colpo".

 
   
 
 
  

Hauru no ugoku shiro

(Howl's Moving Castle)

Origine

Giappone 2004

Sceneggiatura e regia

Hayao Miyazaki

Soggetto

dal romanzo di

Diana Wynne Jones

Musica

Joe Hisaishi

 Produzione

Studio Ghibli










 
 
 


CERCA