Blog: http://mioblog.ilcannocchiale.it

Sbagliando si impara......non sempre!

26 agosto 2014: fine delle ferie, o meglio fine del periodo di ferie estive ed inizio del nuovo periodo lavorativopost ferie, in teoria belli rilassati e con in mente un sacco di buoni propositi.
In realtà più stanchi ed affaticati di prima delle ferie!

Ebbene quest'estate tra le tante cose fatte mi sono anche permessa (questo è il termire giusto!) di ospitare, a casa dei miei al mare, una mia sedicente amica di Milano con figlia della stessa età della mia.
Non che la persona mi ispirasse grande fiducia in generale e nel particolare si è rivelata una ennesima delusione da tutti i punti di vista.
Tanto per non dimenticare voglio scrivere qui le cose che più non mi sono andate a genio.

Per cominciare è stata ospitata in una "casetta" del tutto indipendente dalla casa dei miei genitori per più di 15 giorni, con chiavi personali, cucina, letto, bagno, insomma  un monolocale.
Io non ero presente, se non sporadicamente, perchè impegnata col lavoro a Milano.
I patti erano "ti ospito per 15 giorni, tutto a spese mie (o meglio dei miei genitori: luce, acqua, gas) mentre io sono a Milano al lavoro e tu porti al mare mia figlia, con la tua, visto che il padre (il mio compagno) odia il mare, il caldo e dipendesse da lui starebbe sempre in casa a guardare la televisione o il computer".
I patti erano chiari, ma le cose non sono andate come desideravo.

Intanto quando lei arrivata già dalla prima sera vedevo che "spulciava" la figlia in modo strano: aveva le lendini!!!!! (le uova dei pidocchi) ma come si fa ad andare ospiti a casa di qualcuno coi pidocchi??!! come minimo avvisa no???? No.
Non le ho detto niente sul momento perchè dovendo partire sarebbe stato inutile iniziare discorsi ormai..... inutili.
O la cacciavo di casa oppure tanto valeva tacere e di fatto subire in silenzio (e vedere fin doveva si spingeva).Così è stato.

Per tutta la durata del periodo si presentava a casa di mia madre all'ora di pranzo ......(anche qui i patti erano: ognuno a casa sua! dopo si sta insieme) finchè mia madre ha avuto il coraggio di dirgli come si fosse organizzata (visto che non era previsto che mangiasse da loro). E la cosa è cessata.

Alla figlia che stava attaccata alla mia 24 ore al giorno è venuta una strana tosse, che non passava, anzi peggiorava sempre di più.
Dopo 15 giorni anche mia figlia aveva la stessa tosse che non le passa già da un mese.
Tosse molto insistente che non la fa dormire bene la notte che la lascia senza fiato tutte le volte che ha un attacco.
La figlia non ha avuto NESSUNA vaccinazione (al contrario della mia) e potrebbe essere anche tosse convulsa!!!!
I medici che ho consultato al mare sono stati piuttosto superficiali e non mi hanno saputo aiutare più di tanto.
Adesso dopo più di un mese dalla loro partenza dal mare non riesco ad avere notizie di quella bambina e di quella tosse, da dire anche che, all'inizio la madre mi ha anche fatto sentire in colpa dicendo che la loro casa era fredda e umida (per quello alla figlia era venuta la tosse!). E allora tornatene a Milano!!
In realtà poi si è scoperto che la bambina era stata a contatto con un'altra con la stessa malefica tosse!!!

In sintesi spero che tutto questa vicenda mi abbia fatto imparare qualcosa.
Per non parlare di mia madre che spesso doveva tenersi entrambe la bambine perchè lei se ne andava per fatti suoi senza avvisare; per non parlare poi del fatto che quando c'ero io spesso nenache si stava insieme.
Insomma un'esperienza davvero triste da non ripetere!
Mi fa capire come una persona sola (con una figlia da mantenere) sia disposta a tutto pur di tirare a campare con la minima indifferenza passa sopra i sentimenti e le vite degli altri  a proprio favore.
Non dico che questa persona non la frequenterò più a Milano (tanto è lei che mi cerca solo quando ha bisogno di un passaggio in macchina o favore, e se a me converrà accetterò) ma certo non la riterrò più quella brava e rispettata persona che prima credevo.

Pubblicato il 26/8/2014 alle 9.22 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web